Il viaggio della mente

Era una di quelle sere dove cerchi di ripercorrere il passato attraverso le strade. Quel passato che un po’ ti manca e un po’ lo guardi come per dire è andata… Quel passato che forse ti ha insegnato che le persone non vanno trattate come se fossero scontate. Le persone ci sono finché decidono di esserci, finché qualcosa non le porta via da noi. Guardi la strada come per dire: “Ah, quel cartello me lo ricordo bene, quella ditta, quel negozio e anche quell’azienda!”. Tutte quelle cose che ti sembrano familiari, che ti sembra di conoscere da anni e invece non l’hai mai conosciute effettivamente, ma le hai sempre guardate la fuori nell’occhio della notte. Quelle strade che anche se le percorri tantissime volte e, anche se piene di macchine, ti sembrano sempre essere vuote, ti fanno sembrare di essere solo e ti permettono un po’ vagare. Vagare nella mente, nei pensieri perché alla fine quando sei in viaggio con la macchina anche la mente viaggia con te e ti porta la testa in giro, nel passato, nel presente o alla ricerca di qualche raro sogno che possa rallegrarti e donarti un sorriso. Quella sera fissavo dal finestrino, senza riuscire a distogliere lo sguardo, la luna così tonda, così profondamente lontana. Erano poche le volte che guardavo la luna però le volte che la guardavo cercavo di scorgere qualche abitante di quella terra così lontana. Alla fine non sai se veramente è abitata però a te questo non importa, perché non la guardi neanche per quella che è. Tu impersoni in quella sfera tonda un’immagine, un tuo sogno, un tuo ricordo come se fosse il ciondolo di una medaglietta con dentro una fotografia. La luna è un po’ come il prete del cielo perché quando ci sentiamo un po’ male, andiamo lì e ci confessiamo e lei confessa tutti. Avrà sentito parlare di qualsiasi cosa perché lei è lì e ci osserva. Si potrebbe dire che anche il sole ci osserva dall’alto però, durante la giornata, siamo presi a fare altro. Nella notte ci rilassiamo e i pensieri vengono da soli e guardando la luna inizi a raccontarle la tua vita oppure quello che vorresti fare e lei, ti ascolta come una cara amica, senza criticarti, senza darti consigli però ti ascolta. Ti fa sfogare, ed è tutto quello che tu vuoi. Sfogarti con qualcuno che ti permetta di sentirti più leggero e che riesca anche a farti sorridere, a farti scherzare. La luna e te siete due buoni amici, lei è lì quando tu hai bisogno e tu sai che c’è e ci sarà sempre.

P.S. Si ringrazia Silvia P. per aiuto correzione

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: